Yumi: 170 led al servizio del design minimale

Yumi è una reinterpretazione della forma dell’arco, l’idea principale da cui si è mosso il nuovo progetto di illuminazione. Frutto dell’estro di Shigeru Ban, è una sintesi assoluta destinata a diventare un nuovo classico universale.

Come definita da Fontana Arte, l’azienda produttrice:

“Yumi è delicatezza e forza insieme: un segno essenziale incontra una struttura resistente e leggera in materiale composito rivestito di fibra di carbonio, spazzolato in superficie fino a diventare lucido. 170 LED integrati nella struttura della lampada: fonti luminose che garantiscono il minimo ingombro e valorizzano la continuità del segno. Anche i cavi sono completamente annegati nella struttura, perché realizzati con un materiale speciale che resiste alle alte temperature dei processi produttivi. Yumi diffonde un bagliore caldo e concentrato verso il basso, ideale per creare un’atmosfera raccolta. Caratterizza ambienti diversi con la sua personalità decisa e discreta al tempo stesso.”

Lampada da terra con emissione di luce diretta, Yumi è una sfida, volta a dimostrare come la combinazione della fibra di carbonio con altri materiali produca oggetti di grande resistenza meccanica e, al tempo stesso, di una formidabile leggerezza. La struttura della lampada ha uno spessore di soli 10 mm. Yumi caratterizza ambienti diversi con la sua personalità decisa eppure discreta.

Doveroso è raccontare un po’ della vita del designer, Shigeru Ban.

Laureato in architettura nel 1984, fu prima apprendista di Arata Isozaki dal 1982 al 1983 per poi aprire un proprio studio a Tokyo, nel 1985.

Shigeru Ban è famoso soprattutto per le sue ricerche nel campo delle tensostrutture, specialmente nella loro realizzazione attraverso materiali economici come il cartone o il bamboo.

Nel 2009 ha presentato un avveniristico progetto per la sede del Conservatorio Alfredo Casella dell’Aquila, dopo le distruzioni causate dal terremoto abruzzese del 2009. Il progetto si è poi convertito in una sala da concerto da 230 posti, L’Aquila Temporary Concert Hall, completata ed inaugurata nel 2011.

 

yumi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *